Frigogasatore ad osmosi

FRIGOGASATORE AD OSMOSI

 

Tipologia acqua: naturale – gasata – temp.ambiente – fredda

Alimentazione: 220V 50HZ

Motore: 200 W raffreddato a liquido

Pompa: rotativa 300 lt/h certificata D.M. 174/2006

Tasso pressione sonora: < 30 Decibel

Filtro: per sedimenti 5 micron 11×2,5″ CERTIFICATO D.M. 174/2006 – filtro  carbon block 5 micron certificato NSF 11×2,5″ certificato D.M. 174/2006

Membrana: n.2 osmostiche 1812 da 150 GPD TFC (Thin Film Composite)

Produzione acqua osmotizzata nominale: 100 lt/h (+/-20%)

Precisione d’esercizio: 9-8 Bar

Pressione acqua in entrata: Min 2 Max 5 Bar

Totale solidi disciolti in entrata: Max 2000 Mg/l

PH consentito acqua in entrata: min 3 max 11

Percentuale di reiezione (salinità rigettata): +/- 96/98% (+/- 10%)

Rapporto scarico permeato: 2,5/1

Ritardo avvio pompa

BYPASS regolazione TDS

Sensore allagamento con blocco funzioni ed ingresso acqua

Lavaggio automatico membrane ogni 6 ore di utilizzo

Descrizione

Frigogasatore sottobanco con sistema di filtrazione dell’acqua ad osmosi inversa. Dotato di un innovativo sistema di controllo delle temperatura che permette di ottenere un’erogazione continua di acqua refrigerata e/o gassata, ottenibile per mezzo di un’accurata combinazione tra la fisica e l’elettronica, eliminando tra l’altro il fastidioso rumore e l’aumento del calore sotto il lavello, il tutto dalle dimensioni estremamente contenute. Dotato di una pratica vaschetta per il recupero delle condense e di un sistema antiallagamento protetto.

Caratteristiche principali

  • Scocca in alluminioverniciato
  • Centralina di controllo funzioni elettronica
  • Pannello frontale in metacrilato trasparente
  • Dimensioni: H39-L34-P28 cm

 

Manutenzione

E’ necessario effettuare una manutenzione con periodicità annuale. Essa prevede:

  • la sostituzione del filtro;
  • il controllo della qualità dell’acqua, sia prima che dopo il cambio filtri.

La manutenzione è estremamente importante: la mancata sostituzione dei filtri compromette il funzionamento dell’intero sistema, con ripercussioni negative sulla qualità dell’acqua.